Scompenso cardiaco: strategie di gestione in Medicina Generale

Razionale. L’aumento della vita media e l’efficacia delle cure hanno fatto crescere la prevalenza dello scompenso cardiaco (SC) e possiamo aspettarci che questa tendenza persista nei prossimi anni.
Lo Scompenso Cardiaco colpisce il 2-3% della popolazione generale, per cui ciascun MMG con 1000 assistiti dovrebbe avere in carico da 20 a 30 pazienti con questa diagnosi. Il carico assistenziale correlato alla gestione delle patologie croniche, comporta la necessità di trasferire dall’ospedale al territorio e dallo specialista al MMG parti significative dei percorsi di cura relativi allo scompenso cardiaco.
Tutto questo rende improcrastinabile l’acquisizione da parte della Medicina Generale delle competenze necessarie per ottimizza re l’assistenza dei pazienti con SC, avvalendosi anche delle opportunità che potranno scaturire da una migliore e più articolata strutturazione dell’Area delle Cure Primarie.